medicine e tecniche naturali, Professione, rimedi naturali

Fibromialgia dal punto di vista naturopatico

Come trattare con metodi naturali la fibromialgia

In naturopatia, le patologie autoimmuni di cui la FIBROMIALGIA, vengono trattate riequilibrando tuto il sistema organico.Ci sono infatti alcuni cibi che scatenano, alimentano e peggiorano l’infiammazione organica e aumentano  la risposta degli anticorpi già fin troppo attivi nei confronti dell’organismo stesso.

Ancora una volta, l’alimentazione e uno stile di vita più consapevoli sono le armi migliori attraverso le quali si possono ottenere  risultati più che apprezzabili sulle patologie autoimmuni, purtroppo sempre più in aumento.

Fino a un decennio fa, la fibromialgia  non era considerata una malattia vera e propria perché si sosteneva che l’ origine fosse prevalentemente psicosomatica. In ogni caso, la similitudine dei numerosi sintomi hanno reso la patologia difficilmente identificabile e dunque curabile.

Intanto comprendendo che alla base della patologia vi sia una carenza di serotonina, in NATUROPATIA si utilizzano integrazioni utili a colmarne i deficit allo scopo di riequilibrare il sistema organico. Ma l’intervento più decisivo sarà quello di eliminare l’infiammazione attraverso l’alimentazione e attraverso la cura e la pulizia intestinale.

Sappiamo ormai che nell’intestino si forma l’ottanta per cento circa del sistema immunitario e che attraverso un intestino in grave stato disbiotico è più facile ammalarsi.

Dunque : ALIMENTAZIONE+INTESTINO SANO+ GIUSTO SUPPORTO INTEGRATIVO = BENESSERE E MIGLIORAMENTO GLOBALE.

L’alimentazione del soggetto  fibromialgico si basa sul consumo di frutta e verdura stagionale riducendo drasticamente i cibi raffinati e gli zuccheri e tutte le sostanze che possono avere un effetto stimolante come il caffè, il thè, il ginseng,  il guaranà o il mate (bevande di gran moda). E’ altresì importante sostenere il fegato e aiutare l’intestino nell’ottimizzare la sua funzionalità.

Via libera a cereali integrali e al consumo di proteine intelligenti (uova, pesce, lenticchie..)

E’ interessante osservare come un’alimentazione senza glutine sia decisiva nel supportare la terapia nella fibromialgia  e di come l’integrazione di magnesio aiuti a rilassare e a ridurre il dolore muscolare da ipereccitabilità neurovegetativa.

L’attività fisica può produrre buoni risultati ma non in tuti i soggetti.

Le attività più indicate dunque sono quelle dolci; dallo yoga alla meditazione, lavorando in particolar modo sul sistema nervoso e sul rilassamento.

Quest’ultima voce risponde molto bene se trattato con la riflessologia plantare.

Insomma rispetto al passato abbiamo qualche carta in più da giocare.

Buona guarigione,

Cz

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...